Facebook Pixel
Attenzione questo sito non spedisce in Stati Uniti. Clicca qui per cambiare sito
Logo del Panbriacone
 
Una foto di un Panbriacone tagliato a metà

NUOVI SAPORI DALLA TOSCANA

Nato da un’idea originale dei Fratelli Bonci, è destinato a meravigliare per la sofficità sempre intatta del suo impasto, per il gusto deciso della sua anima liquorosa, per il sapore profumato dell’Uva di Corinto.

Un nome irriverente a sottolinearne l’innaffiatura con dolcissimi vini passiti che si incontra con la morbidezza di un dolce a lievitazione naturale, adatto per le feste ma destinato a conquistare con la sua innovativa completezza, tanto da volersi gustare tutto l’anno.
Una foto di un Panbriacone durante le fasi finali della lavorazione

I SEGRETI

Perché svelare i segreti che si nascondono dietro una storia fantastica, con la realtà?

Inevitabile gustare una fetta di Panbriacone lasciandosi trasportare da paesaggi immaginati di mondi inesistenti, evocati nella mente. Consequenzialmente lecito domandarsi cosa, nella ricetta originale, conferisca quell’insieme di gusto e compattezza da renderlo delizia unica per il palato. Non tutto quello che stimola curiosità deve essere saziato con delle risposte. Ma l’ingrediente segreto meno visibile e forse più scontato che è necessario conoscere è l’Amore. L’Amore e la Passione nella lavorazione artigianale del Lievito Madre, inteso come entità vivente che necessita di cure, attenzioni e accorgimenti quotidiani per accompagnarne quel ciclo biologico (e naturale) che garantisca morbidezze e strutture impareggiabili al prodotto finito.
La ricerca di una lavorazione capillare per favorire la lievitazione naturale della Madre stessa, preparandola a quel processo di bagnatura finale decisivo per la conservazione fragrante di un prodotto senza aggiunta di conservanti artificiali.

Uno dei segreti sta quindi nelle bagne preparate nei laboratori di Bonci, che proteggono il Panbriacone da qualsiasi agente esterno che potrebbe minacciarne sapori, consistenza e profumi; l’altro nel sentimento racchiuso dietro un processo di lavorazione sapiente, perché come diceva Leonardo Da Vinci, “La Sapienza è figlia dell’Esperienza”.
Una foto di un Panbriacone durante la lavorazione

IL CANDITO

Un qualcosa troppo spesso data per scontato: in quanti hanno assaggiato un vero candito?

Quando parliamo di Candito e di Canditura, pensiamo ad un’arte che ha origini antiche provenienti dalle lontane culture della Cina e della Mesopotamia; un’arte di conservazione di parti di frutto attraverso la riduzione del loro contenuto acquoso e la bagnatura con sciroppo di zucchero caldo. Una pratica importata in Occidente grazie ai mercanti Veneziani e Genovesi.

Bonci produce i canditi in modo artigianale, direttamente in azienda, utilizzando frutta scrupolosamente selezionata senza aggiunta di conservanti né coloranti, garantendo al consumatore un livello di eccellenza difficilmente paragonabile con prodotti industriali.

I Canditi dei Fratelli Bonci sono autentiche pepite di frutta cristallizzata nei propri colori naturali, capaci di esplodere di gusto al contatto con il palato e di inebriare con il loro profumo dolcissimo. Un’esperienza differente che non può esser considerata semplice aggiunta in un prodotto, ma segreto (in realtà piuttosto percepibile) per un sapore unico di insieme.

Panbriacone